Valutazione analisi socioeconomiche per le strategie di adattamento al climatchange.

Con quali metodi si possono valutare le conseguenze economiche e sociali dei cambiamenti climatici? Questo studio, realizzato in collaborazione con EURAC Research, consente di esaminare e mettere a confronto alcuni degli strumenti disponibili per realizzare valutazioni di questo tipo.

Sede EURAC - Bolzano

Studio per la valutazione socioeconomica degli impatti del cambiamento climatico sulla gestione delle risorse idriche nel bacino del Roia

Lo studio intende fornire un metodo per lo svolgimento di una semplice analisi socio-economica che permetta di stimare la vulnerabilità economica regionale del territorio del bacino idrografico transfrontaliero del fiume Roia rispetto a possibili variazioni della disponibilità di risorse idriche, indotte specialmente dai cambiamenti climatici.

Scopo principale è fornire un quadro metodologico applicabile e replicabile come strumento di analisi per i decisori pubblici e privati interessati a una gestione efficiente delle risorse idriche del bacino.

Partendo dallo studio del contesto geografico e delle infrastrutture dell’area, si possono individuare i comuni utilizzatori diretti delle risorse idriche disponibili, raccoglierne alcuni dati macroeconomici (PIL, valore aggiunto, occupazione, etc.) e si propongono metodi di stima del consumo idrico potenziale (domanda) sulla base della popolazione residente e dei visitatori.

Per gli stessi comuni è possibile individuare i settori economici presenti e il loro contributo alla creazione del valore aggiunto e del PIL locale. Mentre per stimare la misura in cui individui, imprese, settori economici e comunità territoriali (nazionali, regionali o locali) dipendano dalla disponibilità di risorsa idrica sono disponibili metodi di analisi e parametri standard (come la “Water Footprint”), che permettono di valutare la dipendenza di un territorio dalle risorse idriche disponibili.

Un indice di dipendenza, o domanda idrica dei settori economici prevalenti nel bacino idrografico del Roia, confrontato con l’offerta idrica attuale, permette quindi di valutare la vulnerabilità economica regionale e settoriale in un periodo di riferimento.

Se sul territorio sono presenti, con maggiore o minore frequenza, determinate attività economiche, la valutazione della dipendenza di tali attività rispetto all’offerta idrica consente di stimare la capacità di resilienza del territorio in base alla sua struttura economica, demografica e sociale, ad esempio a fronte di una situazione di scarsità idrica stagionale.

La vulnerabilità economica regionale rispetto a possibili variazioni dell’offerta di acqua indotte da shock di vario tipo è particolarmente interessante nel caso dei cambiamenti climatici espressi da scenari, che possono essere percepiti come plausibili dai decisori pubblici e privati.

Infatti, le proiezioni relative alle variazioni stagionali di disponibilità idrica sui territori dipendenti dal bacino del Roia con orizzonti temporali al 2030, 2050 e 2100 e in linea con scenari di sviluppo che implichino una crescita globale intensa, moderata o limitata delle emissioni di CO2, indicheranno possibili variazioni di temperatura e parametri climatici che potrebbero avere ricadute sull’offerta d’acqua stagionale o aggregata del bacino e generare  impatti settoriali, spesso su settori economici di rilievo.

EURAC Research affronta le sfide più impegnative del futuro: energia pulita, sistemi politici e comunicazioni efficienti. Con i nostri studi cerchiamo risposte a domande complesse attingendo a diverse discipline e orientandoci verso tre grandi temi: regioni dove si vive bene, la diversità come valore, una società sana. Il gruppo di ricerca coinvolto in Concert-Eaux ha una spiccata preparazione in tema di economia ambientale, governance di sistemi complessi, sostenibilità, geomorfologia, analisi e strumenti economico-ambientali e comportamentali.